Visualizzazioni totali

lunedì 22 dicembre 2014

Lasagne con carciofini


Salve a tutti, vi avevo già accennato in una precedente ricetta un prodotto dell’azienda Zuccato , precisamente avevo preparato i fusilli utilizzando le olive nere, la ricetta potete trovarla qui.
Oggi vi propongo l’alternativa alla classica lasagna, utilizzando  carciofini  Zuccato.
Ingredienti per due persone:
200 g di lasagne fresche all’uovo;
280 g di carciofini (io Zuccato );
200 g di gamberi;
4 cucchiai di olio evo;
1 spicchio d’aglio;
2 cucchiai di farina bianca;
brodo vegetale;
1 ciuffetto di prezzemolo;
sale e pepe quanto basta.

Preparazione:
Scaldare l’olio in una padella con lo spicchio d’aglio, unite i carciofini scolati ed asciugati, salate, pepate e fateli stufare per circa 5 minuti. Togliete i carciofini dalla padella e teneteli in caldo; incorporate la farina al fondo di cottura e diluite con brodo caldo; fate addensare a fuoco basso, aggiungendo un pizzico di sale.
Lessate i gamberi in una pentola d’acqua bollente salata per 2-3 minuti. Scolate e teneteli in caldo.
Aggiungete nella pentola altra acqua, fate prendere l’ebollizione e lessatevi, poche alla volta, le lasagne.
Preparate i piatti alternando strati di pasta, carciofini, gamberi e salsa. Terminate con i gamberi velati di salsa e cospargete con prezzemolo tritato. Buon appetito.

Continuate a seguirmi per scoprire gli altri prodotti che utilizzerò per le successive ricette. Si ringrazia l'azienda Zuccato per la gentile collaborazione, ricordandovi che è presente anche su facebook al seguente link.

venerdì 12 dicembre 2014

Partecipo al 1°contest La mia Pasta Ferrara

Salve a tutti, oggi vi propongo due primi piatti, realizzati per il primo contest indetto da pasta ferrara.

Pietre del Vesuvio con ceci e gamberi

Ingredienti per 4 persone:


  • 320 g di pietre del Vesuvio;
  • 200 g di ceci secchi;
  • 200 g di gamberi; 
  • 2 spicchi d'agli;
  • 5 cucchiai di olio evo;
  • 2 gambi di sedano;
  • 2 carote;
  • 1 limone; 
  • 3 pomodorini;
  • prezzemolo tritato;
  • sale q.b.
Procedimento:

Mettere in ammollo i ceci in acqua fredda e tenerli per almeno 8 ore.
Fate soffriggere uno spicchio d'aglio intero in una casseruola con due cucchiai di olio, il sedano e le carote tritati.
Eliminate l'aglio quando avrà preso colore, aggiungere i ceci scolati dall'acqua di ammollo e lasciarli insaporire per circa 10 minuti nel soffritto; copriteli abbondantemente di acqua calda e fateli cuocere a fuoco basso per circa un'ora e mezza, finché non risulteranno teneri, mescolare di tanto in tanto, se necessario aggiungere altra acqua.
Quando i ceci saranno quasi pronti, scottate i gamberi per qualche minuto in acqua bollente acidulata con succo di limone; scolateli e lasciateli raffreddare.
Soffriggere lo spicchio d'aglio rimasto in una larga padella con il rimanente olio; eliminatelo quando sarà dorato, unitevi i gamberi, salateli e conditeli con prezzemolo e pomodori tagliati a filetti.
Aggiungere i ceci e il loro fondo e lasciate insaporire per qualche minuto.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e fatela saltare nella padella con i ceci e i gamberi per un paio di minuti.
Impiattate secondo vostro gusto personale e buon appetito ^_^

Suggerimento: In alternativa se non volete usare i ceci secchi, potete acquistare quelli già cotti, il procedimento è lo stesso, basta eliminare il passaggio della cottura dei ceci.

Per la seconda ricetta, oltre all'ottima pasta ferrara, ho scelto come alleati in cucina i filetti di sgombro mareblu ed olive nere zuccato.
Fusilli al sugo di pesce ed olive nere
Ingredienti per 4 persone:
  • 300 g di fusilli (io fusilli ferrara);
  • 110 g di filetti di sgombro (io  mareblu );
  • 250 g di acciughe;
  • 1 mazzetto di prezzemolo;
  • 2 spicchi d'aglio;
  • 4 cucchiai di olio evo;
  • un pezzetto di peperoncino;
  • 1,2 dl di vino bianco secco;
  • 3 pomodorini;
  • 120 g di olive nere (io Zuccato);
  • sale q. b.

Procedimento:
Tritate finemente il prezzemolo con l'aglio e fateli soffriggere nell'olio.
Unite i filetti di sgombro e il peperoncino, salate e fate rosolare lentamente per 5-6 minuti.
Aggiungete anche le acciughe, mescolate e irrorate con il vino bianco, fate evaporare, poi versate i pomodorini tagliati (in due) e aggiungete 1 bicchiere di acqua. Unite le olive nere e fate cuocere a fuoco moderato per 15 minuti.
Cuocete la pasta in acqua salata, scolatela al dente, terminate la cottura mantecando con la salsa preparata. 
Impiattate secondo vostro gusto personale. Buon appetito ^_^


Che ne pensate dei due piatti preparati? A presto con altre ricette!





domenica 30 novembre 2014

Protagonista di questa domenica: Olio Soprano di Dattilo

Miei carissimi lettori, non so voi, ma io amo la pasta, mi piacciono soprattutto i piatti tradizionali e di solito l'unico giorno che me la concedo, di tanto in tanto, è proprio di domenica,
Quest'oggi ho deciso di proporvi un primo piatto ed un secondo che, sicuramente molti di voi, almeno una volta nella vita, ha già preparato e gustato, tra gli ingredienti troverete Olio Soprano Di Dattilo

Scialatielli con ragu'
Per la preparazione del sugo, ho messo l'olio in padella, aggiunto trito di cipolla, carote e sedano, aggiunto il trito di carne e sfumato con vino rosso, dopo qualche minuto ho aggiunto la passata di pomodoro e fatto cuocere per quasi due ore. 
In una pentola capiente ho portato ad ebollizione l'acqua salata, versato gli scialatielli, scolateli quando manca ancora qualche minuto di cottura, in modo da terminare la cottura con un po' del sugo, impiattate secondo gusto personale.

Pollo con carote e patate
Altro piatto semplice e gustoso, d'altronde, concorderete con me, che bastano gli ingredienti giusti per ottenere un ottimo risultato vero?
Tagliate le carote e le patate in pezzi grossi, la cipolla a fettine sottili, unire tutti gli ingredienti al pollo, aggiungere il prezzemolo, versare l'olio ed un bicchiere di vino bianco, fate cuocere a fuoco moderato per circa 40 minuti.
Impiattate e buon appetito ^_^


Un ringraziamento all'azienda Olio Soprano Di Dattilo, in particolare va alla Signora Marisa Greco, per la gentile collaborazione.


Un Bacio a tutti alla prossima ricetta

domenica 23 novembre 2014

Bicolore al cocco

Buona domenica a tutti, oggi vi propongo il dolce che ho preparato ieri sera, infatti mi scuso per la qualità delle immagini, la sera per ottenere delle ottime foto bisogna essere dei professionisti, altrimenti non rendono ^_^

Per realizzare il bicolore al cocco serviranno i seguenti ingredienti:
100 g di burro;
200 g di zucchero;
150 g di cocco grattugiato (farina di cocco);
4 uova intere;
1 bustina di lievito;
1 vasetto di yogurt intero bianco;
250 g di farina;
1 bustina di vanillina
Procedimento:
Lavorare i tuorli con lo zucchero fino a che non risultano cremosi; aggiungere lo yogurt e la farina di cocco; nel frattempo ammorbidiamo il burro e successivamente aggiungiamolo all'impasto, aggiungere la farina, il lievito e la vanillina; montare gli albumi a neve ed incorporiamoli nell'impasto; dividere l'impasto in due parti uguali, in una parte aggiungiamo il cioccolato loacker precedentemente fatto sciogliere; imburriamo la tortiera, aggiungiamo prima l'impasto bianco e poi sopra quello ottenuto con la cioccolata; inforniamo a 180° per circa 30 minuti; quando sarà cotto fatelo raffreddare e spolverate con zucchero a velo.

E' stato un modo diverso per gustare una delle 4 varianti del cioccolato Loacker, insieme ad amici e parenti, visto che circa un mese fa sono stata scelta come agente goloso da Trnd per il progetto Loacker.

Loacker ha creato la prima tavoletta di finissimo cioccolato con cuore di fragrante cialdina e golosa crema, in 4 diversi varianti.
White, Cremkakao, Milk e Dark-Noir perfetti per tutti i gusti e palati. Viene prodotto con materie prime scelte nel cuore delle Dolomiti, dove l'aria e l'acqua sono fresche e pure.

Avete già avuto modo di assaggiare qualche variante della nuova cioccolata loacker? Quali dei seguenti gusti ha riscosso più successo?
Aspetto di leggere le vostre opinioni in merito e nel caso realizzerete il bicolore al cocco ditemi se vi è piaciuto, sono curiosissima di leggere i vostri commenti.


Vi lascio rinnovandovi una buona domenica, ringrazio Trnd e Loacker per questo cioccolatoso progetto.

Un bacione... alla prossima ricetta

sabato 15 novembre 2014

Risotto con tonno e piselli

Il piatto che vi propongo oggi è il risotto con tonno e piselli, con l'aggiunta di zafferano per dare ancora più colore.


Ingredienti per 2 persone:
200 g di riso;
100 g di piselli;
cipolla tritata;
3 pomodorini;
una noce di burro;
112 g di burro ( io vero sapore mare blu );
1 bustina piccola di zafferano;
1 filo d'olio ( io soprano di Dattilo);
vino bianco;
sale quanto basta;
un rametto di rosmarino
Procedimento:
In una padella mettere un filo d'olio, aggiungere la cipolla precedentemente tagliata a piccoli pezzettini, nel frattempo sciacquiamo i pomodorini e tagliamoli in 4 pezzi, aggiungiamoli nella padella, aggiungere il tonno, sfumiamo con mezzo bicchiere di vino bianco, infine aggiungere i piselli e far cuocere il sughetto per circa 5/6 minuti.
Facciamo cuocere il riso in acqua bollente per 10 minuti, aggiungiamo la bustina di zafferano e facciamo cuocere per altri 5 minuti, scolarlo facendo attenzione a conservare un po' di acqua di cottura, mantechiamo per altri 5 minuti il riso con la noce di burro, aggiungendo se ce n'è bisogno l'acqua di cottura.
Impiattate secondo vostro gusto personale e buon appetito.



Alla prossima ricetta ^_^

mercoledì 5 novembre 2014

#noiCHESEEamo: Polpette con Tonno Mareblu e Le Gruyère Dop

Ingredienti per circa 10 polpette
160 g di tonno in scatola ( io Tonno all'olio d'oliva Mareblu );
2 fette di pan carré ammorbidite nel latte;
2 cucchiaini di prezzemolo tritato;
formaggio tagliato a cubetti ( io Le Gruyère Dop );
1 uovo;
pangrattato;
olio per friggere;
sale e pepe quanto basta.
Far ammorbidire il pan carré nel latte e nel mentre fate sgocciolare il tonno.
Strizzate bene il pan carré ed aggiungetevi il tonno, il prezzemolo, il sale, il pepe ed il formaggio.
Amalgamare tutto finché l'impasto non diventa omogeneo, formate delle polpette e rotolatele nel pangrattato.
Friggetele in abbondante olio caldo, facendo attenzione di girarle di tanto in tanto, così da ottenere una perfetta doratura.
Lasciare asciugare le polpette su carta assorbente e servite con un contorno che preferite.
In alternativa potete servirle su una crema di zucchine, semplice e veloce da preparare. 

Buon appetito ^_^





domenica 2 novembre 2014

#noiCHEESEamo: Rustico con Le Gruyère DOP & Emmentaler DOP

Buongiorno a tutti, ho sempre preferito il salato al dolce, uno dei piatti che mi piace particolarmente preparate è il rustico, quindi in occasione del contest #noiCHEESEamo indetto da Formaggi Svizzeri e Peperoni e Patate ve lo ripropongo sostituendo i formaggi che uso di solito con Le Gruyère e l'Emmentaler.

Parliamo un po' dei protagonisti principali della ricetta....
- Le Gruyère è l'originale formaggio svizzero con certificazione Dop, dal tipo di pasta semi dura, sobrio e corposo;  deve la sua finezza ed il suo gusto così caratteristico all’utilizzo di latte crudo di prima qualità proveniente da mucche nutrite di erba in estate e di fieno in inverno e all'abilità dei maestri casari e degli stagionatori, infatti viene stagionato per almeno 5 mesi, non contiene né conservanti né additivi. 
Al tatto la pasta si presenta come una superficie fine e leggermente umida, di media durezza e poco friabile.L'Emmentaler è uno dei più celebri dei formaggi svizzeri, deve il suo nome alla valle in cui scorre l’Emme, un fiume del Cantone di Berna, dove la produzione di formaggio era attestata già nel XIII secolo, anch'esso con certificazione DOP,  è vietata  l’aggiunta di altri ingredienti o l’utilizzo di sostanze geneticamente modificate
La sua caratteristica più tipica sono certamente i buchi: dalle dimensioni di una ciliegia a quelle di una noce, si formano durante il processo di stagionatura.

 ..... ed ora passiamo alla ricetta

Ingredienti: 
-750 g di farina;
-6 uova;
-un pizzico di sale;
-2 cucchiaini di zucchero;
-400 ml di latte;
-2 pezzetti di lievito da 25 g;
-50 g di burro;
Per il ripieno:
-200 g di formaggio Gruyère;
-300 g di formaggio Emmentaler;
-200 g di salame;
-300 g di wurstel
Procedimento:
Sbattere le uova ed aggiungerci il pizzico di sale e i 2 cucchiaini di zucchero, aggiungere il burro ammorbidito, far sciogliere il lievito nel latte e mescolarlo insieme alle uova, aggiungere la farina un po’ alla volta e lavorate bene l’impasto, infine unire tutti gli ingredienti e lavoratelo ancora, imburrate il tegame e versare l’impasto. Lasciarlo a riposo per circa 2 ore finché non raddoppia di volume. Trascorse le due ore infornate a 180° in forno preriscaldato per circa 1 ora. 
Buon appetito!



Alla prossima ricetta ^_^

venerdì 31 ottobre 2014

Spaghettoni alla marinara e non solo: Crudolio

Buongiorno miei carissimi lettori, come vi ho accennato giorni fa in pagina, oggi vi propongo la ricetta completa degli spaghettoni alla marinara, un piatto semplice ma molto gustoso.
Per prepararli occorreranno pochi e semplici ingredienti, ricordatevi che ogni piatto è gustoso, basta semplicemente usare gli ingredienti giusti, tra questi la scelta di un ottimo olio, infatti io per questa ricetta ho utilizzato Crudolio, con esattezza quello al peperoncino.
Ingredienti per 2 persone:
-180 g di spaghettoni;
-50 di olive nere;
-1 spicchio d'aglio;
-2 acciughe;
-150 g di pomodori;

Tagliate le olive ed i pomodori. In una padella fate imbiondire l'aglio con l'olio, abbassate la fiamma, unitevi le acciughe, dopo qualche minuto aggiungete olive e pomodori, lasciar cuocere il sugo per circa dieci minuti. Nel frattempo fate cuocere gli spaghettoni in acqua bollente e salata, sgocciolateli ( fate attenzione a conservare un po' di acqua di cottura), mantecate con il sugo preparato in precedenza ed un po' di acqua di cottura. Buon appetito!


Un po' sull'azienda

E' specializzata nella produzione di oli vegetali (extra vergine di oliva, di semi di lino, di semi di girasole, di semi di canola, di semi di sesamo, di frutti speciali (mandorle, noci, nocciole, argan etc...) certificati da agricoltura biologica.

Una vasta gamma di prodotti retail con il propri marchio CRUDOLIO e disponibili per private labels.
Lo stabilimento di produzione e confezionamento dedicato esclusivamente al Biologico, con una completa tracciabilità dei processi produttivi degli oli: dalla produzione al confezionamento alla logistica.
Un efficace sistema di controllo qualità che garantisce la tracciabilità e tutte le certificazioni del ciclo produttivo. 

L'azienda dispone di stoccaggi prodotti per 350 MT, e di altri 500 MT nel frantoio di Corigliano Calabro.
Le linee di confezionamento sono in grado di realizzare oltre 60.000 bottiglie di diverse capacità al giorno.
Vanta di numerosi certificazioni: Bioagricert, GMP, IFS, Kosher, FIPA.
Tra la vasta scelta di prodotti ho avuto modo di ricevere anche lo speciale olio di canapa
che ho utilizzato per preparare la scarola e olio di lino che sto utilizzando nelle mie insalate.

Contatti: 




venerdì 10 ottobre 2014

Il mio snack pomeridiano: Frittelle con farina di ceci

Miei carissimi followers, oggi ancora protagonista la mia amata farina di ceci, ormai da quando l'ho scoperta cerco sempre di trovare buone e gustose ricette per non mangiare solo la farinata.
Ed eccomi qui tra di voi per proporvi un'altra ricetta facile e veloce, per uno spuntino pomeridiano.

FRITTELLE DI CECI
Ingredienti per una decina di frittelle:
-250 g di farina di ceci;
-10 g di lievito di birra;
-maggiorana;
-olio;
-sale q.b.
Preparazione:
Stemperare la farina di ceci in acqua, quanto basta per formare una pastella leggermente densa. 
Unire il lievito sciolto in acqua e far riposare per un po', aggiungere il sale, la maggiorana tritata e rimescolare bene.
Fate riposare l'impasto finché non raddoppia di volume (circa un paio d'ore).
Trascorso il tempo, friggete in abbondante olio bollente, le frittelle si gonfieranno e diventeranno dorate, quando vengono a galla toglierle dalla padella e salarle a vostro piacimento.

BUON APPETITO  
Vi assicuro che sono buonissime, io ho sempre amato le frittelle, ma quelle con la farina normale non posso mangiarle sempre, quindi ho trovato la mia alternativa.


Un bacione alla prossima ricettina



domenica 5 ottobre 2014

Farinata di ceci

Miei carissimi followers oggi vi propongo la Farinata di ceci, fino a qualche anno fa non ero proprio a conoscenza di questo buonissimo piatto, l'ho scoperto tramite una mia amica, Donatella, insieme si parlava di piatti a basso contenuto glicemico, mi disse che lei preparava molti a base di farina di ceci, incuriosita le chiesi la ricetta e da allora me la faccio almeno un paio di volte a settimana, perché oltre ad essere buona è anche semplice e veloce da preparare. Pronti? 
Vi scrivo la ricetta che mi ha passato la mia amica e che ancora tutt'oggi ringrazio!
Ingredienti (circa 4 persone)
250 g di farina di ceci;
700 ml di acqua;
2 cucchiai di olio evo;
rametto di rosmarino;
sale q.b;
pepe.
Preparazione:
Stemperare la farina di ceci un po' alla volta nell'acqua, in modo che non si formino grumi, così da ottenere una pastella liquida.
Aggiungere il rametto di rosmarino e lasciar riposare almeno un paio d'ore.
Rimuovere il rosmarino ed aggiungere i due cucchiai di olio, il sale e rimescolare bene.
Versare il composto in una teglia piana uno strato di circa un centimetro.
Mettere (io prima di metterlo in forno ho aggiunto di nuovo il rosmarino, solo le foglioline, perché mi piace), in forno precedentemente preriscaldato a 200° per circa 15 minuti.
Quando la togliamo dal forno cospargere il pepe a nostro piacimento.
BUON APPETITO

*Come alternativa a volte metto le cipolle, oppure i pomodorini, mi dà molto l'idea della pizza, visto che non la posso mangiare sempre ^_^

Piaciuta? Spero di si! E voi l'avevate mai provata?
Se si ditemi  se oltre a quella classica aggiungete ingredienti per rendarla più gustosa. 

Buon proseguimento di giornata. 

Un bacio alla prossima ricetta

venerdì 19 settembre 2014

Torta al limone by Polenghi Las

Miei carissimi lettori, dopo tanto tempo si torna a parlare di una ricetta golosa, ho sempre amato preparare le ricette più sfiziose e gustose per i miei cari, avevo molto tempo a disposizione e quindi mi sbizzarrivo a pasticciare, mi piaceva sbirciare nei siti di cucina e modificarle magari a gusto nostro,  ho sempre preferito farli dalla base fino alla copertura finale, per farvi un esempio, se dovevo preparare una torta di compleanno non compravo il pan di spagna già pronto, ma preparavo tutto fatto in casa, ora da un po' di tempo il mio forno mi ha abbandonato ed ho "scoperto" i preparati per torte, quelli per intenderci che non hanno bisogno di cottura, non mi sono mai piaciuti a dire il vero, però come si dice a mali estremi, estremi rimedi no? 
Sapete che poi conoscendo Polenghi mi sono dovuta ricredere?
E si, perché la torta al limone di Polenghi è proprio buonissima e poi è facilissima da preparare.
All'interno della confezione troviamo tutto l'occorrente, bisogna solo aggiungere qualche ingrediente in più ed il gioco è fatto!
La confezione contiene:
-130 g di preparato per fondo torta;
-150 g di preparato per crema;
-1 dosette succo di limone 8 ml;
-1 dosette topping al limone 24;
-1 bordo per torta.
Gli altri ingredienti da aggiungere, 
oltre a quelli che troviamo nella confezione, sono:
375 g di yogurt intero
75 g di burro
Quando avremo sul tavolo tutti gli ingredienti pronti, prendiamo il cartoncino che abbiamo trovato nella confezione e diamo la forma che desideriamo.
Nel frattempo nel pentolino sciogliamo il burro, quando sarà completamente sciolto togliamo il pentolino dal fuoco ed aggiungiamo il preparato per fondo torta.
Mescoliamo ed amalgamiamo con cura il composto.
Distribuiamo il composto ottenuto in modo uniforme sulla base dello stampo, premendo con il cucchiaio così che risulti regolare e compatto. Riporre in frigo.
Nel frattempo che il nostro fondo sta in frigo, prepariamo la crema unendo lo yogurt con il preparato per crema ed il contenuto della dosette succo di limone, amalgamiamo il tutto con lo sbattitore elettrico, per circa 4 minuti alla massima velocità.
Togliere dal frigo il fondo, distribuire la crema, livelliamola e poniamo la torta in frigo per almeno 2 ore.
Trascorso il tempo, togliamola dal frigo e guarniamo con il topping al limone.

Polenghi Las non è solo preparato per dolci, nella sezione prodotti del loro sito ne troviamo di tante varietà, infatti per chi mi segue in pagina ha notato che ho utilizzato lemodori per condire il merluzzo.
Oppure quando mi sono deliziata e rinfrescata con il gustosissimo sorbetto al limone, con l'aggiunta di frullato di albicocca.
Ho intenzione di preparare un altro dolcetto con la loro crema al limone, quindi continuate a seguirmi.
Nel frattempo ditemi un po', qualcuno/a di voi ha avuto il piacere di provare qualche prodotto Polenghi?
Per chi non avesse avuto mai il piacere di provare queste delizie, vi ricordo che possono essere acquistati da : Auchan, gigante, Coop adriatica, simply, lidl.



Io vi lascio dandovi appuntamento alla prossima ricetta... Un bacio!

giovedì 4 settembre 2014

Marullo: La bontà della frutta secca e non solo

Buon giorno, vi ricordate il post dove vi presentavo la ricetta dei pennoni preparati con il pesto di pistacchio?
Oggi vi faccio vedere il secondo piatto, che ho preparato utilizzando i prodotti dell'azienda MARULLO
Chi non ha avuto modo di appuntarsi la ricetta può cliccare QUI.


Cotolette di petto di pollo con pistacchio


Ingredienti per 6 persone:
900 g di petto di pollo;
200 g di pangrattato;
aglio tritato; 
origano;
200 g di farina di pistacchio FARINI'
olio extravergine d'oliva;
sale q.b.
4/5 uova (dipende da quanto sono grandi)
Procedimento:
Battete le fettine di petto  di pollo , se necessario, in modo di schiacciarle in modo uniforme e praticate dei piccoli tagli sui bordi.
Passate ogni fettina nell'uovo e poi nel composto( precedentemente preparato con pangrattato, farina di pistacchio, aglio ed origano), facendolo aderire bene su entrambi i lati.
In una padella fate riscaldare l'olio e disponete le cotolette, facendole cuocere a fuoco medio fin quando saranno ben dorate.
Togliete le cotolette dal fuoco, scolatele nella carta assorbente, salatele e servitele calde, accompagnate insalata o verdure a vostra scelta.

Un po' di notizie sull'azienda....
La sicurezza della filiera produttiva è garantita dai costanti esami svolti nel laboratorio HPLC e microbiologico interno agli stabilimenti Marullo, che permettono di monitorare il livello di qualità dei frutti e del prodotto finito lungo l'intero percorso di lavorazione.
Marullo dispone di certificazione ISO 9001 e Kasherut.
La filosofia dei fratelli Marullo punta su continui investimenti in studi e ricerche del settore, con l'obiettivo di rispettare i piú severi parametri di qualità e di sviluppare nuove soluzioni per un mercato vasto ed eterogeneo.
L'espansione di Marullo nei mercati internazionali, che amano le tipicità regionali del nostro Bel Paese, segue un percorso in regolare crescita. Il successo delle esportazioni è dovuto all'attività di ricerca svolta da personale altamente specializzato, ed è merito di prodotti unici per bontà e qualità.


Seguite Cucina che Passione per non perdervi cosa realizzerò con Pistuccia
Una deliziosissima crema spalmabile al pistacchio.

Ringrazio l'azienda per la gentile collaborazione, i prodotti che utilizzato per le ricette potrete trovarli QUI
Buon appetito alla prossima!